Home / Pratica  / Posizioni Base  / Posizione della Locusta (Salabhasana)

Posizione della Locusta (Salabhasana)

Salabhasana rafforza i muscoli della schiena e gli addominali. Apre il petto e insegna a canalizzare l’energia attraverso la concentrazione

di Marla Apt / foto di Rory Earnshaw (Sandbox Studio)

 

Base_schiena_apertUna cavalletta a riposo. È questa l’immagine che suggerisce Salabhasana (Posizione della Locusta). A dispetto dell’apparenza, però, per eseguirla è necessario applicarsi con vigore(virya): una qualità fondamentale in tutto lo yoga e definita da B. K. S. Iyengar “forza morale e fisica, potere mentale, energia e coraggio”. Ai muscoli della schiena e dell’addome, infatti, sono richieste forza e flessibilità. Quando inizi ad assumere la postura, potresti avere la sensazione di sollevarti di poco e di affaticare la zona lombare. Per evitare ciò, opportuno è coinvolgere tutta la schiena e aprire il più possibile il petto

No Non sollevare i glutei verso l’alto
Sì Premi l’osso sacro verso il pavimento

Con i piedi per terra

Base_schienaIn Salabhasana (Posizione della Locusta), il torace si espande e le spalle scivolano indietro: ciò richiede un dorso flessibile e tonico. La variante in piedi (figura 1) di questa postura è utile perché prepara e rafforza i muscoli della parte alta della schiena. Inoltre, insegna a coordinare i movimenti dell’area superiore del corpo e a mantenere una curva naturale nella zona lombare. Sistemati in Tadasana (Posizione del la Montagna) con i piedi aperti come le anche. Prendi una cinghia e fai un anello un po’ più largo delle spalle. Infilaci i polsi, tenendoli dietro la schiena, con i palmi delle mani rivolti l’uno verso l’altro. Indirizza verso il soffitto il torace e allarga le clavicole, mantenendo le gambe diritte. Porta in alto le braccia, senza coinvolgere la parte inferiore del corpo e il resto del busto. Ora, spingi indietro e abbassa le spalle, innalzando il torace. Se le spalle sono contratte e si chiudono, prova ad allargare l’anello della cinghia. Più lontano vanno braccia e spalle, più lo sterno tenderà a muoversi in avanti. Se anche questa soluzione non ti aiuta, forse stai agendo con troppa fretta. Rallenta, quindi, e respira profondamente. Controlla la forza e lavora, prima, per spostare le spalle all’indietro, poi, le scapole verso il basso, e, infine, le braccia: ciò permette l’apertura del petto. Quando hai raggiunto il massimo allungamento, prova a coinvolgere ulteriormente i muscoli della schiena, allontanando la parte alta dal collo e indirizzando le scapole verso il pavimento. Ora, cerca di sollevare maggiormente petto e braccia. Così facendo, zona lombare, costole inferiori e pelvi si sposteranno in avanti. Per evitare ciò, trova l’allineamento: allungati dal punto vita, porta l’ombelico verso la colonna vertebrale e premi le cosce indentro

 

Muscoli tonici

A questo punto, puoi iniziare a lavorare su un’altra variante della Posizione della Locusta (figura 2), coinvolgendo gambe e pelvi. Sdraiati sulla pancia. Base_schiena_2Solleva leggermente la gamba destra e distendila il più possibile e poi riabbassala. Fai lo stesso con la sinistra. Apri le dita dei piedi epremi il collo del piede a terra. Porta la parte anteriore della pelvi al pavimento: ti evita di inarcare la zona dell’osso sacro. Con la fronte sul tappetino, abbandona le braccia lungo il corpo, tenendo i palmi delle mani rivolti alle cosce. Indirizza verso l’alto e indietro le spalle. Apri bene il petto e proiettalo al soffitto. Espira e tieni le braccia parallele al suolo e i palmi delle mani verso l’alto. Cerca di av vicinare il più possibile le scapole, e di orientarle verso il basso. Il collo deve essere ben disteso. Mantieni tonici la parte alta della schiena, le gambe e i glutei per aiutarti a sollevare le costole da terra. Indirizza l’area dell’osso sacro verso i talloni. Dopo pochi secondi abbassati e riposati.

 

Benefici

  • Apre spalle e petto
  • Rafforza schiena e addome
  • Allevia i dolori del dorso

 

Controindicazioni

  • Mestruazioni
  • Gravidanza
  • Spondilite

ARTICOLI CORRELATI

Se hai imparato ad “essere felice”, ti risulterà molto più facile “fare la cosa giusta”. Con questo presupposto, dopo il fortunato “Felice come un Buddha”, Stefano Bettera esce in libreria con “Fai la cosa giusta”

Il discepolo che divenne maestro

Prova queste posizioni per riequilibrare l’energia in maniera uniforme

LINK SPONSORIZZATI
NO COMMENTS

Sorry, the comment form is closed at this time.