Home / Pratica  / Anuloma Viloma Pranayama

Anuloma Viloma Pranayama

La “Respirazione a Narici Alternate”

A cura di Tite Togni

 

Armonizza il sistema nervoso, equilibra l’attività di entrambi gli emisferi del cervello e aumenta la resistenza agli sforzi prolungati. Dapprima ci si allena a frazionare l’inspiro perché è più facile, poi l’espiro; in seguito, quando si uniranno inspiro ed espiro frazionati in un unico ciclo, si potrà inserire il Kumbaka o Ritenzione di qualche secondo tra inspiro ed espiro e poi anche tra espiro e inspiro.

 

Come praticare

Siediti in una posizione comoda, con la schiena eretta, la mandibola morbida e la lingua che punta sul palato.

 

  • 1a FASE, INSPIRO FRAZIONATO: espira e inspira 3” riempiendo parzialmente i polmoni, pausa trattenendo il respiro 3”, inspira ancora 3”, pausa, inspira 3” fino a sentire il diaframma completamente dilatato ma le spalle, le gambe, gli occhi rilassati. Espira in un flusso continuo senza sforzo, con il diaframma morbido.

 

  • 2a FASE, ESPIRO FRAZIONATO: inspira normalmente e poi espira parzialmente 3”, pausa di 3”, espira ancora 3”, pausa, espira 3”, inspira normalmente. Senti i polmoni completamente svuotati ma senza sforzo di altre parti del corpo.

 

  • 3a FASE, INSPIRO ed ESPIRO FRAZIONATI: un ciclo comprende 1 inspiro frazionato e 1 espiro frazionato, seguito sempre dal respiro normale, sia per sentire la differenza, sia per prepararsi senza tensioni al ciclo successivo.

 

Benefici
  • La ritenzione del respiro, per via dell’aumento della pressione generata all’interno dei polmoni, stimola un più alto scambio di sostanze gassose: una maggiore quantità d’ossigeno raggiunge il sangue e una maggiore quantità di anidride carbonica e altri gas nocivi passano dal sangue ai polmoni, che elimineranno il tutto durante l’espirazione
  • L’intero organismo sembra più “leggero” e lo sguardo diventa più luminoso
  • Aiuta a ritrovare la centratura e l’equilibrio interiore

ARTICOLI CORRELATI

L’occasione per rivivere l’entusiasmo dell’adolescenza. Alla luce della propria maturazione

Una pratica Guidata di Grazia Pallagrosi

Se hai imparato ad “essere felice”, ti risulterà molto più facile “fare la cosa giusta”. Con questo presupposto, dopo il fortunato “Felice come un Buddha”, Stefano Bettera esce in libreria con “Fai la cosa giusta”

LINK SPONSORIZZATI
NO COMMENTS

Sorry, the comment form is closed at this time.