Home / Pratica  / Kumbhaka, a corpo pieno

Kumbhaka, a corpo pieno

La ritenzione del respiro nell’organismo provoca una sensazione di completezza

A cura di Bice Mattioli

 

La respirazione polmonare yogica, che attiva i meccanismi muscolari e nervosi che intervengono nella respirazione, prevede 4 fasi: Rechaka (espirazione), Kumbhaka (ritenzione a vuoto), Puraka (inspirazione), Kumbhaka (ritenzione a polmoni pieni).

Le ritenzioni del respiro, che sono le più importanti per un praticante yoga, stimolano la respirazione cellulare e intensificano gli scambi di energia in tutto il corpo, se vengono eseguite secondo le indicazioni che seguono.

  • La colonna vertebrale è sana e flessibile (non a caso negli Yoga Sutra di Patañjali gli asana sono posti prima del Pranayama). Gli asana distendono la muscolatura, aprono i capillari e permettono all’energia di espandersi nell’organismo.
  • La posizione della colonna vertebrale è verticale e il bacino leggermente inclinato in avanti.
  • In ritenzione del respiro, praticare il Mula Bandha, contraendo e facendo salire l’ano, per portare l’energia verso l’alto attraverso tutte le vertebre della colonna
  • Praticare a digiuno.
  • Praticare progressivamente nel tempo, meglio dopo gli asana.
  • L’errore più comune è quello di gonfiarsi, pensando di trattenere l’aria nei polmoni. Il prana deve sentirsi in tutto il corpo dai piedi alla sommità del capo. È bene far precedere le ritenzioni di respiro da respirazioni profonde o Kapalabhati (che abbiamo visto il numero scorso), che comportano una espulsione dinamica di anidride carbonica, e devono essere seguite da una ritenzione per ristabilire un equilibrio di ossigeno nell’organismo.
  • In ritenzione completa il cuore rallenta il battito, la circolazione sanguigna pulsa ritmicamente sul torace. Quando sopravviene la necessità di espirare, inalate un ultimo sorso di aria prima dell’espirazione.
  • L’espirazione deve essere lenta e tranquilla, completa contraendo i muscoli intercostali e addominali. Evitare di bloccare o rilasciare il respiro improvvisamente, se questo avviene vuol dire che siete andati oltre le vostre possibilità.

ARTICOLI CORRELATI

Un omaggio a un grande saggio per ritrovare equilibrio, forza e superare il timore dello smarrimento

Quella adeguata alla situazione, che tenga conto anche delle ragioni dell'altro e che parta sempre dall’ascolto sincero

Intensificale con il supporto del muro per allungare e aprire anche la parte anteriore del corpo

DESIDERO RIMANERE AGGIORNATO SULLE INIZIATIVE DI YOGA JOURNAL
LINK SPONSORIZZATI
NO COMMENTS

Sorry, the comment form is closed at this time.