Home / Pratica  / Focus Anatomico  / La colonna vertebrale toracica

La colonna vertebrale toracica

Anatomia della colonna vertebrale toracica

Circa l’80 per cento delle persone sperimentano problemi alla schiena ad un certo punto della loro vita. La maggior parte attribuisce il dolore alla parte inferiore della schiena (colonna lombare) o al collo (colonna cervicale) ma spesso i problemi sono nella colonna vertebrale toracica, la parte superiore della schiena.

Delle 70 articolazioni della colonna vertebrale, il 50 per cento si trova nella colonna vertebrale toracica. Se aggiungete le altre 20 articolazioni speciali (articolazioni costotrasferenziali) che facilitano e articolano i movimenti delle costole, capirete facilmente come la colonna vertebrale toracica sia quel gran lavoratore responsabile dei due terzi del movimento del busto.

Protezione

Nonostante l’elevato potenziale di movimento della colonna vertebrale toracica, questa non consente tanta mobilità quanta ci si potrebbe aspettare. Il movimento eccessivo nella zona potrebbe avere impatto su cuore e polmoni. In più, le vertebre della colonna toracica, incastrate tra di loro, agiscono nei piegamenti all’indietro per proteggere gli organi interni.

 

Conoscere il corpo: anatomia della colonna vertebrale toracica

 

Ci sono molti muscoli nella regione della colonna vertebrale toracica, la maggior parte dei quali corrono anche lungo la colonna cervicale o le regioni lombari (o entrambi). Di seguito ti faremo conoscere i muscoli della parte più profonda

della colonna vertebrale toracica.

 

Muscoli trasversospinali

Questi muscoli, in gruppo, collegano le diverse porzioni di ogni vertebra alle vertebre adiacenti o semi-adiacenti.

◊ ROTATORE

◊ MULTIFIDO

◊ SEMISPINALE (NON MOSTRATO)

 

Muscoli erettori della colonna

Questi muscoli, in gruppo, forniscono supporto posturale al busto e facilitano i molteplici movimenti del tronco.

◊ SPINALE TORACICO

◊ LONGISSIMUS DORSI

◊ ILEOCOSTALE

 

Muscolo dentato posteriore superiore

Questo muscolo collega le tre vertebre toraciche alle costole 2-5. Aiuta ad elevare le costole durante l’inspirazione.

 

Diaframma respiratorio (non mostrato)

Questo muscolo si attacca all’interno delle sei costole inferiori; è suscettibile di spasmi con il singhiozzo.

 

Muscoli intercostali

Sono i muscoli situati tra ogni costola. Stabilizzano la gabbia toracica e aiutano a respirare.

 

Muscoli elevatori delle costole

Questi muscoli collegano trasversalmente ogni vertebra alla gabbia toracica e facilitano l’inspirazione.

 

Processo spinale

È una struttura ad arco chiamata “lamina”, un importante punto d’attacco per i muscoli della spina dorsale e per i legamenti.

 

Dischi intervertebrali

Gli ammortizzatori della colonna vertebrale. Ogni disco forma un giunto fibrocartilaginoso (sinfisi) per consentire un leggero movimento alla vertebra

 

 

Processo trasverso

Proiezioni ossee da ogni lato della vertebra. Sono i siti di attacco per i muscoli e i legamenti della spina dorsale.

 

Corpo vertebrale

Spesso segmento ovale dell’osso che forma la parte anteriore di ogni vertebra. Uno strato protettivo osseo compatto circonda una cavità di tessuto osseo spugnoso.

 

Questi meccanismi di inibizione del movimento sono importanti. Tuttavia, se manca la giusta quantità di mobilità nella colonna vertebrale toracica, l’incrocio più mobile della colonna vertebrale – T12 / L1, il punto più basso della colonna vertebrale toracica e la parte più alta della colonna lombare – può sviluppare ipermobilità per compensazione (in particolare nei piegamenti all’indietro). La mancanza di mobilità della colonna vertebrale toracica può anche dar luogo ad una colonna cervicale eccessivamente mobile.

 

Per tenere lontano il dolore dalla colonna vertebrale cervicale e dalla colonna vertebrale lombare, ti consigliamo dei movimenti mirati e sicuri per la colonna vertebrale toracica così da mantenerne la forza e la mobilità e impedirgli di reclutare un aiuto extra.

 

Per aumentare la mobilità della colonna vertebrale toracica ecco 4 posizioni. Clicca qui!

ARTICOLI CORRELATI

Converte il cibo in forza vitale: va mantenuto leggero grazie a un’alimentazione rinfrescante, al riposo e allo yoga

http://www.yoga-pilates.it/

Un buon insegnante capitalizza tutta la sua esperienza di vita nello yoga. Parola di Piero Vivarelli

DESIDERO RIMANERE AGGIORNATO SULLE INIZIATIVE DI YOGA JOURNAL
LINK SPONSORIZZATI
NO COMMENTS

Sorry, the comment form is closed at this time.