Home / Pratica  / Scattanti come ranocchie

Scattanti come ranocchie

Dong, dong, dong, saltano le ranocchie.

Emina Cevro Vukovic

Baby_RanaAccucciati, con le mani unite sopra la testa, si può saltare in casa o nei prati come loro, le allegre ranocchie. È un esercizio abbastanza faticoso, ma molto divertente, che si può trasformare anche in una specie di gara tra più bambini. Attenzione però a non barare, le regole sono che dopo ogni salto si ritorna accucciati e non è valido mettere le mani a terra. Se alla fine si è stanchi, ci si può riposare facendo la Posizione della Rana, Bhekasana.

Stesi a terra sulla pancia, con le ginocchia piegate e larghe poco più dei fianchi, si appoggiano le mani sopra le dita dei piedi e si spingono i talloni a terra mentre si alza il capo verso l’alto. Le braccia in questa posizione stanno con i gomiti puntati verso l’alto. Bhekasana, allunga i muscoli delle cosce impedendo che facciano male dopo aver fatto uno sport intenso, perciò praticatela prima e dopo una partita di calcio o una corsa in bicicletta o una lunga camminata in montagna, vedrete che i muscoli non vi faranno più male. Controllate però prima di eseguirla di avere i muscoli delle gambe ben caldi, non la si può fare con i muscoli freddi.

ARTICOLI CORRELATI

Guardare il mondo alla rovescia è un’opportunità che apre nuovi orizzonti, fisici e psicologici

Una triade dalle profonde affinità elettive per attivare il corpo alle sue migliori possibilità. Giacinta Milita, osteopata e yogini, fonde i 2 aspetti come consulente agonistica

DESIDERO RIMANERE AGGIORNATO SULLE INIZIATIVE DI YOGA JOURNAL
LINK SPONSORIZZATI
NO COMMENTS

Sorry, the comment form is closed at this time.