Home / Insegnanti  / News ed Eventi  / Un numero pieno di… Storie di Yoga

Un numero pieno di… Storie di Yoga

Sequenza della felicità, sessualità consapevole, radici della stabilità, dalla dipendenza alla reciprocità

Ecco cosa troverete sul nuovo numero Yoga Journal di Luglio/Agosto:

 

Homo Fabula, anziché Homo Sapiens. È attraverso la narrazione di storie che l’uomo ha compiuto i suoi progressi e ha tramandato i suoi valori. La narrazione è ciò che ci definisce come umani, ci unisce e divide dagli albori del genere umano. Tutti i testi sacri sono pieni di storie. Ecco perché si è voluto fare un numero in cui la cifra stilistica, ove possibile, fosse raccontare storie, emozionare anziché, come al solito, divulgare sapienza.

 

Come fai a spiegare che l’amore ti deve rendere libero e non dipendente? Certo, è il cavallo di battaglia di canzoni d’amore della storia, ma in questo numero lo racconta Maria Beatrice Toro, nella complessa storia di una famiglia in cui tutti dipendono da qualcuno e nessuno riconosce i valori dell’altro. Una storia ove la reciprocità tra le persone diventa adulta solo se ci si responsabilizza anche a prenderci cura di noi stessi. La storia di Marianna, Angela e Paolo è su questo numero.

 

Tra gli insegnamenti della Mindfulness c’è quello di porsi nell’atteggiamento di lasciare andare tutto ciò che viene, e tutto ciò che va. Come lo scorrere di un’onda sulla spiaggia: da questo Grazia Pallagrosi muove il suo racconto, Doppia Onda, per narrare la meraviglia della sincronicità. Quando si comincia un percorso di meditazione, di ascolto interiore, allora l’ascolto verso il mondo, verso il caso, non diventa più giudicante, ma aperto ed esplorativo. Può accadere una storia su diversi livelli, in diversi continenti, con diversi linguaggi, che a volte ci lega a un destino comune, nel presente. Su questo numero.

 

Stefano Bettera è andato a cercare tra i suoi ricordi dove cominciasse la sua sete per le domande sulla vita, e perché più cresceva e più il sogno del viaggio si assimilava alla ricerca sul senso di libertà. Perché più andava avanti e più “sapeva di non sapere”, come diceva uno dei suoi maestri, Socrate. Un viaggio-racconto privato, di quelli che giuri che non dimenticherai mai, a cui sarai sempre fedele e che diventerà il Nord della tua vita. Su questo numero.

 

Nella cultura indiana la musica sacra, il cantare e suonare Kirtan, vengono riconosciuti come atti di yoga devozionale, sacri. Io invece vi propongo 6 brani musicali occidentali del secondo millennio (un settimo lo trovate nella versione online), che per contenuti e storia onorano il sacro dell’esperienza umana su questo pianeta. Accogliendo le incertezze, i fallimenti, la ricerca ineffabile che ci rende squisitamente umani. “Non solo Kirtan” (versione online).

ARTICOLI CORRELATI

Riscopri il piacere dell'abbandono innocente e fiducioso con Balasana

Prevenzione da lesioni e infortuni

http://www.acquaplose.com/trova-plose/

LINK SPONSORIZZATI
NO COMMENTS

Sorry, the comment form is closed at this time.