Home / Pratica  / Yoga e nuoto: bracciate di stile

Yoga e nuoto: bracciate di stile

Allungati e rafforzati per nuotare come un pesce

di Sage Rountree

foto di Joe Hancock

 

yoga e nuotoIl nuoto, come qualsiasi esercizio ripetitivo, porta all’utilizzo eccessivo di alcuni gruppi muscolari a scapito di altri, sotto utilizzati. Nel nuoto, le persone tendono a sollecitare principalmente la parte superiore del corpo, in primo luogo le spalle e la schiena; con lo yoga puoi coinvolgere tutte le parti del corpo e bilanciarlo, oltre a lavorare con il ritmo della respirazione, che è vitale per il nuoto. Entrambe le pratiche si realizzano infatti con movimenti coordinati in modo ritmico con l’inspirazione e l’espirazione: sperimentarle insieme è di sicuro effetto sulle performance in acqua. Questa sequenza è stata ideata da Sage Rountree – insegnante di yoga e allenatrice di triathlon – per costruire forza nel “core”, specialmente lungo la parte posteriore della schiena, per aiutarti a trovare equilibrio e allungamento in acqua. Inoltre, allunga le spalle e le caviglie per darti una maggiore gamma di movimento e fluidità nella bracciata.

 

 

yoga e nuoto 1Posizione del Cane a Testa in giù (Adho Mukha Svanasana)

Inizia in posizione quadrupedica, con le mani sotto le spalle e le ginocchia sotto i fianchi. Allarga bene le dita delle mani mentre le premi a terra, quindi piega in sotto le dita dei piedi e solleva il bacino. Ruota esternamente la parte superiore delle braccia, e abbassa il petto senza esagerare l’inarcamento nella parte bassa della schiena. Abbassa i talloni verso il pavimento, mantenendo un piegamento dolce nelle ginocchia. Rimani per 10 respiri.

 

yoga e nuoto 2

Posizione dell’Asse, con sollevamento della gamba

Spostati in avanti, le spalle sopra i polsi, e mantieniti allungato dai talloni alla sommità della testa. Tieni attivato il “core” e il torso, inspira e solleva lentamente la gamba destra fino a quando è parallela al pavimento; espira e abbassala. Ripeti con la gamba sinistra. Continua questo movimento al rallentatore per 10 volte, alternando le gambe.

 

yoga e nuoto 3

Posizione del Cucciolo disteso (Uttana Shishosana)

Abbassa le ginocchia e sposta le anche su di esse. Muovi le mani in avanti per allungare le spalle mentre abbassi il petto verso il pavimento. Piega i gomiti se hai bisogno di meno intensità. Rimani per 10 respiri.

 

yoga e nuoto 4

Posizione della Locusta con braccia estese (Salabhasana, variante)

Spostati sull’addome. Inspira e solleva braccia, busto e gambe. Mantieni la posizione per 5 respiri, quindi solleva il braccio destro e la gamba sinistra più in alto, mentre abbassi il braccio sinistro e la gamba destra; esegui questo movimento di avanti e indietro, mantenendo braccia e gamba opposti. Questo crea un movimento lento che costruisce la forza nella schiena. Ripeti per 10 respiri.

 

yoga e nuoto 5

Posizione del Bambino con allungamento laterale (Balasana, variante)

Mettiti su mani e ginocchia, poi abbassa le anche sopra i talloni. Punta le dita dei piedi dietro di te, per allungare la parte superiore dei piedi. Fai “camminare” entrambe le braccia verso destra, fino a sentire un piacevole allungamento sul lato sinistro del busto, attraverso il latissimus dorsi (muscolo grande dorsale) e la spalla sinistra. Rimani per 10 respiri, e ripeti sull’altro lato.

ARTICOLI CORRELATI

Con lo yoga, proteggi ginocchia e caviglie e scendi in campo senza rischiare di farti male

Fare ciclismo con l'aiuto di asana che alleviano l’affaticamento muscolare

Una triade dalle profonde affinità elettive per attivare il corpo alle sue migliori possibilità. Giacinta Milita, osteopata e yogini, fonde i 2 aspetti come consulente agonistica

DESIDERO RIMANERE AGGIORNATO SULLE INIZIATIVE DI YOGA JOURNAL
LINK SPONSORIZZATI
POST TAGS:
NO COMMENTS

Sorry, the comment form is closed at this time.