Warning: A non-numeric value encountered in /home/customer/www/yogajournal.it/public_html/wp-content/themes/yogajournal/framework/modules/title/title-functions.php on line 387
Home / Benessere  / Ayurveda  / COSA SONO I DOSHA

COSA SONO I DOSHA

.

Dosha è una parola sanscrita che significa “colpa”, “difetto” o “ciò che oscura”. Viene dalla radice dush, che significa “diventare corrotto o cattivo; peccare.”

Un testo classico dell’Ayurveda, il Charaka Samhita, lo utilizza principalmente per indicare l’eccesso capace di causare malattie.

“Perché tutta la negatività?” potresti chiedere. Mentre i dosha sono sicuramente essenziali per la nostra stessa esistenza, se uno o più di essi aumentano oltre quanto è normale per il nostro particolare …..

 

L’Ayurveda teorizza che ognuno di noi possiede, dal concepimento, una percentuale unica di vata, pitta e kapha. La nostra prakriti (a natura fisica)è il nostro progetto biologico permanente, un’istantanea dei nostri dosha combinati al nostro primo momento di esistenza. La nostra prakriti è il modello per il nostro stato di equilibrio originale, e quindi personalmente ideale.

 

Mentre ti muovi attraverso la vita, la proporzione di ciascuno dei tre dosha fluttua costantemente in base al tuo ambiente, alla tua dieta, alle stagioni, al clima, alla tua età e a molti altri fattori. Quando entrano e squilibrano, i dosha possono influenzare la salute, il livello di energia e l’umore generale.

SE VUOI FARE UN TEST ORIENTATIVO CLICCA QUI

 

 

I 3 DOSHA

 

KAPHA

I tipi Kapha hanno una struttura robusta e sono naturalmente atletici fintanto che si allenano regolarmente per gestire la loro tendenza ad aumentare di peso. L’influenza degli elementi terra e acqua li rende innatamente stabili, compassionevoli e leali. Apprezzano fare le cose in modo metodico, passo dopo passo e preferiscono una routine regolare nella loro vita personale e professionale. Quando sono squilibrati possono diventare demotivati, testardi e compiacenti anche quando è necessario un cambiamento. Il loro metabolismo tende ad essere lento e il loro appetito sia per il cibo che per la stimolazione è meno intenso rispetto ai tipi vata o pitta. Traggono vantaggio dall’esporsi a nuovi ambienti, persone e, occasionalmente, dal digiuno.

 

 

PITTA

I tipi Pitta sono dominati dall’elemento fuoco, che li rende intrinsecamente forti, intensi e irritabili. Tendono ad avere una corporatura e una resistenza medie con una muscolatura potente. Spesso hanno la pelle lentigginosa che si arrossa facilmente al sole, durante l’esercizio, i massaggi e quando arrossiscono. Sono volitivi e bravi a fare ciò che pensano sia giusto. Si avvicinano al lavoro e al gioco con la stessa intensità e competitività. Sono leader naturali e apprendono rapidamente la cui capacità di comprendere e padroneggiare facilmente nuove abilità e concetti può renderli giudicanti o impazienti nei confronti delle persone che ritengono più lente o meno concentrate di loro. Hanno una forte digestione e un intenso appetito, sia per il cibo che per le sfide. Se saltano un pasto è probabile che diventino scontrosi e potrebbero invece prendere un “boccone” da qualcuno. È comune che soffrano di condizioni di salute come infiammazioni, eruzioni cutanee, acne e feci molli. Per equilibrio, i pitta devono gestire le loro tendenze “infuocate”, incanalandole in modi produttivi e imparando a riconoscere il loro potere distruttivo.

 

VATA

I tipi Vata tendono ad essere magri e allampanati. Sono molto attivi mentalmente e fisicamente e amano gli sforzi creativi, incontrare nuove persone e viaggiare in posti nuovi. Quando sono equilibrati, i vata sono flessibili, hanno un’immaginazione vivace e sono pensatori originali. Quando sono squilibrati, possono diventare ansiosi, privi di fondamento e possono sembrare “traballanti” nell’adempiere agli impegni, attenersi a una routine e completare i progetti. Tendono a funzionare al freddo e all’asciutto e godono di un clima caldo e umido. È comune che i tipi vata soffrano di mani e piedi freddi, costipazione, pelle secca e articolazioni screpolate. L’influenza dell’elemento aria nella loro costituzione fa fluttuare drammaticamente la loro energia, umore e appetito. Per questo motivo i tipi vata spesso non riescono a mangiare e dormire regolarmente, passando dal mangiare cibi pesanti a macinarsi e sedarsi, o ingerire stimolanti come caffè e zucchero per sostenere un’intensa attività fisica o mentale. L’insonnia e la bassa immunità sono un problema molto comune per la persona vata sensibile.

 

 

 

Cosa significa essere bi-dosh?

Bi-doshic indica che condividi fortemente le qualità con due tipi doshici, ed è in realtà come la maggior parte di noi è. Le persone con una doppia costituzione (vata-pitta, pitta-kapha e vata-kapha) sono, in un certo senso, “divise”. In determinate condizioni, un dosha predomina e in altre circostanze l’altro dosha. Il modo migliore per gestire la prakriti bi-doshic è entro la stagione. Ad esempio, se hai un vata-pitta o vata-kapha prakriti, durante l’autunno, che è una stagione vata, seguiresti un regime di decremento di vata. Durante la stagione calda, seguiresti un regime di riduzione pitta. Durante la stagione fredda e umida, seguiresti kapha.

 

 

Una persona può essere tri-doshica?

Tri-doshic significa avere quantità uguali di ogni influenza doshica. La persona tri-doshica può essere molto forte, stabile e adattabile quando è in equilibrio. Quando sono sbilanciati, tuttavia, possono sperimentare cattive condizioni di salute. La chiave per preservare il tuo equilibrio personale è affinare la tua sensibilità per notare potenziali squilibri che possono derivare dal tuo ambiente o da squilibri alimentari o emotivi e adottare pratiche che controbilanceranno queste influenze. Ad esempio, in autunno, una persona tri-doshica agirebbe se fosse una persona con una costituzione vata e seguisse uno stile di vita e una dieta equilibranti. Lo stesso vale per le altre stagioni: impiegare un regime di bilanciamento pitta quando il clima è caldo e un regime di bilanciamento kapha quando il clima è freddo e umido.

NO COMMENTS

Sorry, the comment form is closed at this time.