Home / Benessere  / Ayurveda  / Il Panchakarma, una purificazione integrale

Il Panchakarma, una purificazione integrale

Un trattamento di origine indiana. per disintossicare l’organismo e risvegliare le energie sopite

Panchakarma_2Combatte depressione, stress e la stanchezza tipica di questo perio­do. Ringiovanisce il corpo e ricarica di nuove energie. Il Panchakarma è un trattamen­to unico che promette effetti straordinari, in grado di ripri­stinare un benessere totale e duraturo. Panchakarma si­gnifica “cinque azioni”, quelle che, secondo l’Ayurveda, ogni persona, dovrebbe compiere, almeno una volta all’anno, per disintossicare l’organismo, ri­muovere vecchi blocchi emotivi e riequilibrare le energie vitali purificazione in eccesso. Si tratta di cinque trattamenti di “pulizia” pro­fonda in grado di curare molti disturbi e mantenere il corpo giovane e in salute. Secondo la millenaria tradizione vedica, il Panchakarma durava ben 45 giorni. Oggi, invece, questo periodo è stato ridotto a una settimana. Ma, un programma così intenso non è di facile esecuzione. È indispensabile, perciò, seguire prescrizioni e consigli degli esperti e non sottovalutare ogni minima con­troindicazione. Mentre è sem­pre sconsigliato il fai-da-te. ideale a primavera Ma quando è bene ricorrere al Panchakarma e quando, in­vece, evitarlo? «Il Come_nuovi_2Panchakar­ma – spCombatteiega Swami Joythima­yananda, medico ayurvedico – è consigliato a tutti in primavera. Ma, in caso di un disturbo, si può fare in qualunque periodo dell’anno. È bene attenersi sempre ai consigli di un esperto vai­dya (medico ayurvedico). Il momento più adatto, infatti, deve essere scelto con cura, tenendo conto delle condi­zioni fisiche del paziente. Se quest’ultimo non è pronto o se ci sono controindicazioni è meglio rimandare. Solo se ese­guito correttamente, infatti, il Panchakarma produce risul­tati straordinari». Il medico ayurvedico, durante la sua visita, deve individuare la co­stituzione del paziente e i suoi disturbi, ma anche valutarne la forza (bala), necessaria per eseguire ogni passo del tratta­mento che, comunque, è sem­pre personalizzato. «La visita – continua Joythimayananda – si esegue interrogando, osser­vando, palpando e ascoltando. Fondamentale l’ascolto del polso. Ogni pratica, poi, deve essere regolata sulla base delle singole costituzioni fisiche e psichiche. Infine, prima di accedere alle cinque pratiche fondamentali del Panchakar­ma, occorre predisporre corpo e mente del paziente attraver­so alcune terapie preparato­rie».
Terapie preparatorie

Le “cinque azioni”
VIRECHANA: terapia pur­gante. Pulisce l’intestino te­nue e riequilibra pitta, l’ener­gia che presiede le funzioni digestive e metaboliche. Che cosa cura. Giova a feb­bre cronica, malattie della pelle, intossicazione, parassiti intestinali, anemia, perdita e ingrigimento precoce dei ca­pelli e ai problemi dovuti a uno squilibrio di pitta. Come si pratica. La sera prima del trattamento si cena con un piatto di kichadi (riso, lenticchie e ghee). Il mattino seguente, a stomaco vuoto, si bevono uno o due bicchieri di un decotto lassativo a base di erbe. Quindi si digiuna, bevendo, nell’arco della gior­nata, circa due litri di rasam, una bevanda calda. L’effetto purgante è assicurato. Infi­ne, dopo circa sei ore, si assu­me un piatto di riso stracotto, con patate e ghee.
VAMANA: terapia emetica (che provoca il vomito, ndr). È la pratica più importante del Panchakarma. Pulisce stomaco e polmoni da ama, le tossine derivanti dalla cat­tiva digestione, e riequilibra kapha, l’energia che governa il sistema immunitario. Che cosa cura. Elimina blocchi emotivi ed energe­tici. Cura asma, pigrizia, de­pressione, insoddisfazione, vecchi pensieri non digeriti (compreso il karma). Com­batte i disturbi kapha. Come si pratica. La sera prima del trattamento si ce­na con riso molto cotto, con l’aggiunta in parti uguali di yogurt, zucchero o salgemma e ghee (pietanza che ammorbi­disce i capillari del canale ali­mentare). Il mattino della pra­tica, invece, si assume yogurt con zucchero. Quindi, dopo il rituale canto di un mantra, si bevono uno o due bicchieri di un decotto che provoca la nausea. Infine, si beve un preparato ottenuto facendo bollire una tazza di liquirizia in quattro litri d’acqua o di latte. L’effetto è immediato e, insieme al liquido ingerito, si rigettano tossine e impurità del passato comprese emozio­ni trattenute, rabbia, dolore, paura e odio. Tutto dura 30 minuti. Segue un momento di relax. Infine, dopo un mas­saggio su addome e petto con olio caldo, si ha la percezione di una vera “rinascita”.
BASTI: terapia di oleazione. Si trattengono oli erbalizzati nell’intestino retto. Il clistere medicato elimina ogni tos­sina, anche quelle emotive. Riequilibra i dosha e pacifica vata, che regola le funzioni fisiologiche. Che cosa cura. Combatte stress e tensione. Allevia gastriti, ulcere, artrite, disturbi sessuali, febbre cronica, dolori intercostali, cal­coli renali, mal di schiena, nevrite e sciatica. Giova ai disturbi provocati da un eccesso di vata. Come si pratica. Si lava il colon con un litro e mezzo di acqua bollita insieme a un mix di erbe e, poi, filtrata. Il decotto, così ottenuto, viene iniettato tiepido nel retto. Quindi si trattiene per 5-6 minuti facendo degli esercizi mirati. Infine, si evacua. Poi, alla sera, prima di coricarsi, si fa un clistere di olio medicato da trattenere tutta la notte.
NASYA: pulizia delle vie nasali. Purifica il sistema nervoso e mantiene attive le funzioni motorie e sensoriali. Riequilibra l’energia mentale e risveglia il prana. Che cosa cura. Giova a disturbi mentali, sinusite, epilessia, emicrania, disfun­zioni visive e uditive, migliora la respira­zione. Aumenta me­moria, concentrazio­ne e lucidità. Come si pratica. Si inspirano medi­camenti in polvere in entrambi le nari­ci. Oppure, secondo il rimedio prescelto, si iniettano oli me­dicati.
RAKTA MAKSHA: pu­rificazione del sangue. Le tossine del tratto gastroin­testinale sono assorbite dal sangue e messe in circolo per tutto l’organismo. Questa intossicazione è causa di vari disturbi. L’estrazione di una piccola quantità di sangue venoso, allora, stimola la milza a produrre sostanze antitossiche e allerta il siste­ma immunitario. Che cosa cura. Combatte in­fezioni, ipertensione, proble­mi circolatori, herpes, eczemi e acne. È consigliata anche in caso di gotta, ingrossamento di fegato o milza. Come si pratica. Al matti­no, a digiuno e dopo un pedi­luvio, si lega attorno all’alluce un laccio di gomma. Quindi, con un ago sterile, si punge la punta del dito e si fa fuo­riuscire un po’ di sangue. Il medico, osservando il sangue, valuta lo stato di salute del pa­ziente e consiglia rimedi erbo­ristici o gemmoterapici. Al termine di questa setti­mana di purificazione pro­fonda vi sentirete come nuovi. Parola di vaidya.
Una settimana in ashram
Dove
Ashram Joytinat, via Ripa 24, (An) tel. 071/679032; www.joytinat.it

ARTICOLI CORRELATI

La storia di 7 valori dell'esperienza umana, attraverso 7 brani musicali

Identificata con gli orrori del nazismo, la croce uncinata rappresenta in India la rotazione del sole intorno ai quattro punti cardinal

Il Maestro silente di Madras

LINK SPONSORIZZATI
NO COMMENTS

Sorry, the comment form is closed at this time.