Warning: A non-numeric value encountered in /home/customer/www/yogajournal.it/public_html/wp-content/themes/yogajournal/framework/modules/title/title-functions.php on line 387
Home / Pratica  / Trataka

A cura di Bice Mattioli

 

Più che di un esercizio sulla respirazione si tratta di una pratica di purificazione per la vista e l’attenzione. Gli occhi sono collegati al Manipura chakra, che controlla anche l’assorbimento degli alimenti; tanto per sottolineare ancora una volta il sottile e reale legame tra intestino, mente e visualizzazione.

 

Tecnica
  • Su un foglio bianco disegna un puntino di qualsiasi colore. Puoi anche esercitarti con la fiamma di una candela oppure col simbolo di una OM.
  • Ponilo a un paio di metri davanti a te su una parete, leggermente più alto del livello dei tuoi occhi.
  • Siediti in posizione comoda, con la schiena eretta. Respira regolarmente a occhi chiusi per qualche minuto interiorizzando con la mente il disegno davanti a te.
  • Senza tensione apri gli occhi e fissa il punto disegnato davanti a te. Tieni lo sguardo fermo, senza sbattere le palpebre.

 

Note

All’inizio sarà difficile non muovere le palpebre, gli occhi potrebbero lacrimare. Ricomincia da capo ed esercitati a mantenere lo sguardo fermo. Comincia con 5 minuti, per arrivare nel tempo a 10-12.

 

Benefici e Avvertenze

Questa purificazione esercitata nel tempo migliora la vista, soprattutto la miopia, e affina la concentrazione; il processo del pensiero cessa automaticamente. I risultati dipendono anche dalla qualità degli alimenti di cui ci nutriamo. Un’alimentazione pesante, tamasica, con carne, pesce, uova e derivati, può risultare dannosa, poiché il sistema endocrino gestito dal Manipura chakra irrigidisce i recettori visivi. In questo caso gli occhi non hanno la necessaria elasticità per eseguire Trataka.

 

E’ possibile che la pratica inumidisca gli occhi e possa far sorgere una lacrimazione. Le lacrime sono perfettamente normali. Il loro compito è di pulire l’occhio, mantenere lo sguardo presente. Le lacrime sono anche un importante segnale emotivo. Quando sei particolarmente triste, arrabbiato ma anche felice e pieno di gioia ecco che scendono le lacrime. Dopo che la tensione di quel momento è passata ecco che la mente è molto più lucida.

ARTICOLI CORRELATI

Un gesto atavico che risveglia l’esperienza della prima respirazione

L'alimentazione veg per gli sportivi

Scopri il metodo Bates per ridurre i difetti della vista

NO COMMENTS

Sorry, the comment form is closed at this time.